Giorgio Basaglia è un noto dirigente italiano, Senior Partner di Yellowknife & Partners, società internazionale che si occupa di consulenza con sede principale a Milano. Uomo dotato di grande sensibilità e preparazione, Giorgio Basaglia quest’anno ha lanciato sul mercato editoriale un interessante saggio didattico dal titolo Immagine e salute degli insegnanti in Italia: Situazioni, problemi e proposte, attraverso il quale vengono indagate le condizioni di salute di una categoria estremamente importante come quella del corpo docente italiano. Il libro parte dal presupposto che l’analisi dell’immagine e delle condizioni degli insegnanti rappresentano, come si legge nel quarto di copertina, “un aspetto chiave per la comprensione degli atteggiamenti e dei comportamenti che, in generale, i cittadini (insegnanti inclusi) assumono nei confronti della scuola e dei processi educativi.” Secondo l’autore pertanto, per poter esprimere un giudizio o disegnare una prospettiva chiara inerente la scuola italiana, tenere in considerazione ogni aspetto: opinioni degli attori del sistema scolastico, i processi di comunicazione, gli orientamenti politici e legislativi della scuola ed infine, lo stato di salute della classe docente.

Il saggio si suddivide in quattro grandi aree proprio per meglio approfondire tutti i punti di vista appena descritti e sono fornite di numeri, statistiche ed indagini che restituiscono al testo un valore decisamente didattico. Vediamole nel dettaglio. La prima parte è un compendio di indagini nazionali che riguardano gli insegnanti italiani di ogni ordine e grado, in particolare circa le opinioni ed i giudizi che gli insegnanti hanno di se stessi. La seconda parte troviamo altre indagini ma stavolta gli attori protagonisti sono i giovani, vengono infatti mostrati i risultati di sondaggi condotti sul target degli studenti a cui è stata chiesta un’opinione sulla scuola italiana. Il terzo capitolo rappresenta invece il cuore pulsante di tutto il saggio, è in queste pagine infatti che vengono analizzate le condizioni di salute del corpo docente italiano, argomento che oltre tutto da il titolo all’opera. La categoria degli insegnanti, nel particolare, viene messa a confronto con altre categorie di dipendenti pubblici come ad esempio personale sanitario, colletti blu, colletti bianchi con l’obiettivo di analizzare quale delle categorie è più a rischio nel manifestare una malattia di natura psichiatrica o di disagio mentale. I dati sono allarmanti e forse sorprendenti, infatti gli insegnanti italiani risultano essere i lavoratori più a rischio sotto questo punto di vista, basti pensare che è la categoria che richiede il pensionamento anticipato più di tutte le altre proprio a seguire dell’insorgenza di patologie psicologiche. L’ultimo capitolo del saggio è dedicato alla proposta di soluzioni operative e all’analisi di studi scientifici redatti al fine di contrastare gli elementi di disagio nell’esercizio della professione dell’insegnante. Tra le proposte c’è quella di attivare una campagna di comunicazione e sensibilizzazione a cui far aderire associazioni, imprese, istituzioni, sindacati e singoli individui, soprattutto per quanto riguarda il burnout, la sindrome psicologica derivante da situazioni di stress associate al lavoro di cui sembrano soffrire maggiormente gli insegnanti.

Credits Lulu: Giorgio Basaglia